Home > Guida Viaggi > Europa > Regno Unito > Inghilterra > Visitare Inghilterra

Visitare Inghilterra, Attrazioni e Cose da vedere in Inghilterra

Attrazioni inghilterra

Quando si viaggia in Inghilterra si ha a che fare con due mete turistiche differenti: Londra da una parte, l’Inghilterra dall’altra. L’una è anche l’altra, non viceversa (a parte centri internazionali come Oxford e Cambridge). Visitare Londra è visitare una città cosmopolita, internazionale, che è la capitale d’Inghilterra ma che è anche un mondo a sé, che è il cuore della nazione e al tempo stesso al di fuori della nazione; visitare l’Inghilterra è invece viaggiare in uno stato di antica cultura e tradizione, geloso della sua storia, del suo carattere, della sua identità. Il primo è un viaggio all’insegna dell’innovazione; il secondo della tradizione. Il primo porta nella metropoli; il secondo in una provincia profonda, caratteristica, a volte angusta.

Indice

Cosa visitare in Inghilterra

Città d’Inghilterra

Il turismo in Inghilterra è in gran parte metropolitano. La civiltà inglese è quella urbana per eccellenza, a partire dalla rivoluzione industriale inglese la gran parte della popolazione s’è andata concentrando nei grossi centri industriali. Non sono però queste le mete da visitare in Inghilterra: città come Manchester, Liverpool, Newcastle, Bristol, Southampton, ecc., imperdibili per chi ha interesse per l’archeologia industriale, non sono però importanti mete turistiche. A parte Londra, le città da visitare in Inghilterra sono per lo più quelle storiche (York, Bath, Canterbury, Dover, ecc.), d’origine medievale, che furono le vere protagoniste della storia inglese e della formazione dello stato nazionale.

Londra

Londra è la meta principale del turismo in Inghilterra. Visitare Londra è d’obbligo per chiunque faccia un viaggio nel paese; per tanti anzi è la sola meta, dal momento che Londra e l’Inghilterra sono cose estremamente differenti. Londra è la capitale inglese, ma al tempo stesso molto di più: una specie di capitale mondiale, dove s’incontrano tutte le nazioni, le razze, le lingue del mondo. A Londra vengono create le mode, le tendenza, gli slogans. La ricchezza umana e culturale di questa città è impressionante. Essa merita da sola un viaggio, e magari anche un secondo. Elencare qui tutte le cose da fare e vedere in questa città è così lungo che si fa prima a partire.

Bath

Visitare Bath nell'Inghilterra sudoccidentale, ubicata nella contea di Avon, è d’obbligo per chiunque voglia rivivere la migliore stagione dell’aristocrazia inglese, quella a cavallo tra il 700 e l’800. Fondata dai romani nel I secolo d.C. sul sito delle fonti termali con il nome di Aquae Sulis, Bath è diventata a partire dal 18° secolo un’importante località di villeggiatura e di cure termali ed è tuttora una famosa meta turistica. I numerosi edifici e impianti termali in stile neoclassico e vittoriano danno l’impressione di eleganza e di salubrità tipica di tutte le antiche stazioni termali europee.

Oxford

Oxford è sede dell' Università di Oxford, una delle più antiche e famose d’Inghilterra e del mondo. Il cuore della città, nonché centro dell'antico borgo medievale cinto dalle mura, è Carfax, da cui si dipanano le direttrici principali. Il patrimonio architettonico di Oxford annovera molti edifici di grande interesse storico-artistico, come le chiese di San Michele e di Santa Maria; la Bodleian Library; lo Sheldonian Theatre , progettato da Christopher Wren in forma circolare. La città ospita, inoltre, un museo d'arte moderna e l'Ashmolean Museum, importante museo in Inghilterra, che conserva le notevoli collezioni d'arte e archeologia dell'Università.

Cambridge

Cambridge è sede dell’altra notissima università d’Inghilterra. Da visitare sono la chiesa di St Benet (X secolo) e la chiesa del Santo Sepolcro, una delle quattro chiese circolari d'epoca normanna presenti in Inghilterra. La cappella del King's College è uno splendido esempio di architettura gotica. Il tessuto urbano della città, che ospita parchi e musei famosi (Fitzwilliam Museum, Cambridge Museum), benché influenzato nel suo accrescimento dalla nascita dell'università, rimase però diviso da quest'ultima: a differenza di Oxford, qui il complesso dei famosi colleges, – gli edifici che ospitano le residenze degli studenti e dei professori, le biblioteche e le cappelle – e le sedi delle facoltà e degli istituti che fanno parte dell'Università sono stati costruiti in un'area specifica della città.

Canterbury

Altra importante città storica dell’Inghilterra è quella di Canterbury. Situata nella contea del Kent, lungo il fiume Stour, è sede arcivescovile del primate della Chiesa anglicana. E’ dominata dall'imponente cattedrale gotica, sede dell'arcivescovo di Canterbury, eretta tra il 1070 e il 1180, meta obbligata di ogni appassionato di storia e d’arte. La Cappella della Trinità, dietro l'altare maggiore, ospita la tomba dell'arcivescovo san Tommaso Becket, assassinato all'interno della cattedrale nel 1170. Sul lato est si trova la torre circolare nota come Cappella della Corona o Corona di Becket. Numerosi altri edifici di grande interesse storico-artistico circondano la cattedrale: i chiostri, l'aula capitolare, il battistero, la biblioteca, la King's School, il Saint Augustine's College. Canterbury diede anche i natali al drammaturgo Christopher Marlowe e fu immortalata da Geoffrey Chaucer nei suoi Canterbury Tales.

Yorkshire

Lo Yorkshire è una regione dell'Inghilterra nordorientale corrispondente all'ex contea omonima; il capoluogo è York. Visitarla, per chi non voglia limitarsi a conoscere non solo le città ma anche la campagna d’Inghilterra è d’obbligo. Il territorio della regione è di grande bellezza paesaggistica. Grandi prati e dolci vallate scendono da rilievi di media altezza fino ai letti dei fiumi. La zona orientale è dominata dai monti Pennini, che si estendono dal Derbyshire, a sud, fino alle Cheviot Hills, al confine con la Scozia. La loro porzione settentrionale presenta grandi rilievi rocciosi ed è solcata da profonde valli fluviali chiamate dales. Da vedere assolutamente sono le Cleveland Hills, il parco nazionale North York Moors e le Tabular Hills, un massiccio di roccia calcarea e arenaria; tra queste due caratteristica è la Valle di York. Visitare lo Yorkshire fa la felicità di tutti gli innamorati della campagna inglese. E’ vero che per tutta la lunga stagione invernale i prati non sono verdi e il clima è piuttosto gelido e piovoso, ma se si ha la fortuna di poter andare nel periodo migliore, tra la primavera e l’estate, ci si ritroverà nel tipico, meraviglioso paesaggio inglese, fatto di stupendi prati verdi a picco sul mare e popolati da mandrie di cavalli.

Kent

L’amante della natura e soprattutto della campagna d’Inghilterra deve assolutamente visitare anche il Kent. Contea dell'Inghilterra sudorientale, delimitata a nord dal fiume Tamigi e dal suo estuario e a sud dallo stretto di Dover e dal canale della Manica, è la regione percorsa da ovest a est dai North Downs, una catena di colline di roccia calcarea che si estende dalla periferia di Londra fino a Dover, sulla costa, dove termina nelle famose "bianche scogliere" dalle quali, con un po’ di fortuna, si può vedere la Francia. Il nord della contea è invece caratterizzato da un'area paludosa percorsa dal Tamigi; a sud si estendono le Romney Marsh, terre sottratte al mare già secoli fa. Lungo il litorale del Kent si innalzano anche le scogliere calcaree del North Foreland e il promontorio di Dungeness, nel sud. Nell'estuario del Tamigi si trova l'isola di Sheppey; nel nord quella di Thanet.La contea è ricchissima di boschi e parchi dove crescono soprattutto querce. I colli dei Downs sono spogli ma ricchi di pascoli, mentre le aree pianeggianti sono caratterizzate da siepi e appezzamenti irregolari, molti dei quali retaggio di antiche enclosures. Gran parte del territorio è costituito di amplissimi prati adibiti a pascolo, esempi del tipico e più bel paesaggio inglese. Da non perdersi una lunga passeggiata attraverso questi grandi prati fino alle famose scogliere a picco sul mare.Nel Kent si trova anche la famosa città di Canterbury.

Northumberland e Vallo di Adriano

Altra attrazione da visitare in Inghilterra è il Northumberland, contea dell'Inghilterra settentrionale, situata nell'estremo nord-est del paese. Delimitata dalla Scozia, dal Mare del Nord, e dal fiume Tyne, è una delle zone più incantevoli e incontaminate del paese. Più della metà del territorio è costituito da monti, brughiere e foreste. Verso nord l'ampia pianura costiera si innalza nelle Cheviot Hills, che segnano il confine con la Scozia, e a ovest monti Pennini, caratterizzati da lande coperte d'erica e anguste vallate. La fascia litoranea presenta estese spiagge sabbiose e praterie. Una curiosa formazione rocciosa, il Whin Sill, si estende da Bamburgh alle isole Farne, un arcipelago di una trentina di isolette e scogli poco lontano dalla costa. A causa della loro asprezza, molte zone della contea sono rimaste isolate preservando alcune specie di animali e piante altrove ormai scomparse. Le isole Farne costituiscono una riserva ornitologica, mentre Chillingham Castle ospita gli ultimi esemplari rimasti dei bianchi bovini da parco. Tutto l’arcipelago è uno degli ultimi posti a conservare intatto l’autentico ambiente inglese.Tra i monumento in Inghilterra assolutamente da non perdere c’è il vallo di Adriano, costruito dall’imperatore romano nel II sec. d. C. al confine tra Scozia e Inghilterra, nel punto il cui la distanza tra i due mari è più breve, al fine di difendere il dominio romano dalle frequenti incursioni dei popoli barbari. Si tratta di un lungo muro spesso 3 metri e alto 5 che collega i fortini che sorgono frequentemente lungo il confine. Lunghi tratti del muro, per quanto rovinati, sono ancora in piedi da duemila anni, a testimonianza dell’abilità ingegneristica dei romani. Il curioso di storia può trovare qualcosa di simile solo nella grande muraglia cinese.

Castelli inglesi

Tra le più belle esperienze per un visitatore in Inghilterra è l’esplorazione di uno dei suoi numerosi castelli (in gran parte medievali, ma anche di età moderna). I monumenti in Inghilterra sono del resto costituiti in gran parte da tenute aristocratiche. L’aristocrazia inglese, a differenza che in altri paesi, ha resistito molto a lungo, e ha costellato l’intero paese di numerosi castelli, tenute, residenze, che sorgono il più delle volte in aperta campagna, circondati da giardini meravigliosamente tenuti, in molti casi tuttora abitati (ad es. dalla famiglia reale). I principali castelli d’Inghilterra sono: il castello di Windsor, Buckingham Palace, il castello di Newcastle, quello di Arundal, quello di Dover, i resti del castello a York, quello di Cardiff, nel Galles, e tanti altri.

Isola di Wight

Se si ha un po’ di tempo a disposizione e la voglia di farsi un bagno nel freddo mare d’Inghilterra, un posto da non perdersi è l’isola di Wight. Il suo territorio, costituito da terreni gessosi e argillosi, è prevalentemente pianeggiante e ricoperto da fitte foreste di querce. Le coste sono quasi ovunque piatte e sabbiose, con numerose spiagge meta di turismo balneare, fatta eccezione per la parte meridionale dell'isola, caratterizzata da alte scogliere che cadono a picco sul mare. Grazie al clima, molto mite rispetto all'Inghilterra, e alle numerose località di interesse paesaggistico, l'isola di Wight è una nota meta turistica ed una delle poche vere stazioni balenabili d’Inghilterra.

Musei d’Inghilterra

Grazie sia alla sua ricca storia che al suo immenso impero coloniale, l’Inghilterra dispone di alcuni dei più importanti musei al mondo. Il maggiore è anche quello forse più noto al mondo, il British Museum. Ha sede a Bloomsbury, nel centro di Londra. Le sue collezioni coprono tutti i periodi della storia, dalla preistoria al periodo medievale a quello rinascimentale per arrivare fino al XX secolo. Importantissimo è il settore delle antichità egizie, la zona dedicata alle antichità mediorientali il settore di antichità greche e romane e infine anche la zona dedicata ad antichità indiane e dell’estremo oriente.Altro museo da visitare in Inghilterra d’importanza internazionale è la National Gallery of Art di Londra. Situata in Trafalgar Square, annovera oggi 2000 opere rappresentative delle principali scuole europee di pittura dal XIII al XX secolo. La raccolta include la collezione di pittura italiana rinascimentale, con dipinti dei maggiori artisti fiorentini e veneziani del periodo; molte sono le opere di artisti olandesi, fiamminghi, francesi e spagnoli dal XV al XIX secolo.

Cose da fare in Inghilterra

Dal momento che in Inghilterra si può fare praticamente tutto, elenchiamo alcune cose che si possono fare esclusivamente qui e che perciò vanno assolutamente fatte.

Teatro

Fin dal medioevo l’Inghilterra conserva una tradizione teatrale molto importante: basti pensare a Shakespeare (ma anche a Marlowe, Wilde, Beckett, ecc.). La vocazione teatrale (e poi cinematografica) è ancora estremamente vive. Nel 900 è stato ricostruito l’antico Globe Theatre, patria del teatro elisabettiano e dei drammi shakespeariani. Un’esperienza impedibile è assistere ad uno di essi all’interno di un edificio che riproduce alla perfezione quello originale del 500.

Escursioni nella campagna inglese

Nonostante un’industrializzazione selvaggia e di antica data, l’Inghilterra conserva ancora le magnifiche campagne erbose per le quali è famosa. Se si va in provincia bisogna assolutamente farci una passeggiata. Le più belle sono quelle del Kent, e in generale i parchi che circondano le vecchie tenute aristocratiche. Anche nelle città inglesi sono comunque numerosi e ben tenuti grandi parchi fatti di prati, boschetti, laghi, giardini all’inglese.

Calcio

L’Inghilterra è pur sempre la patria del calcio. Assistere ad una partita qui non è solo un modo per passare il tempo, ma un vero e proprio rito, un atto di fede. Le tifoserie inglesi sono tra le più appassionate. Se se ne ha l’occasione, una giornata allo stadio è qualcosa da non perdere.

Politica

L’Inghilterra è uno dei paesi di più antica tradizione politica. Per viverla fino in fondo basta partecipare ad una manifestazione, un corteo, un drappello di protesta al 10 di Downing Street, solitamente in favore di qualche diritto umano. Qui non c’è da aver paura, gli inglesi anche (o soprattutto) in politica sono estremamente corretti né si corrono rischi (questo però non vale per le proteste operaie). E può essere anche un’occasione per capire cos’è la vera democrazia.

Scrivi una recensione | mappa visitare inghilterra


Top Visitare Inghilterra

Sei stato in Inghilterra?

Scrivi la tua recensione su questo posto, esprimi le tue opinioni e pubblica le foto



Chi siamo | Contattaci | Pubblicità

© 2011 Voiaganto tutti i diritti riservati - Trilud SpA - P.iva: 13059540156

Voiaganto, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08

Condizioni di utilizzo di Voiaganto, Informativa sulla privacy