Bodega la Cigarrera, Sanlucar de Barrameda

Indirizzo Bodega la Cigarrera: Plaza de Madre de Dios s/n. , Sanlucar de Barrameda, Spagna (vedi mappa)

 Visitare Bodega la Cigarrera Sanlucar de Barrameda
  • Voto: stars
  • Tipo di attrazione: Edificio
  • Sito web:
  • Prenotazione: Nessuna

Recensioni Bodega la Cigarrera

Straordinario Manzanilla, ottima cantina

da Massj di Milano, Lombardia del 06.09.2007

Voto
stars


La Cigarrera è la cantina di sherry più antica in assoluto, ed è a Sanlucar de Barrameda, dove si produce il manzanilla, uno sherry giovane particolarmente fine, dal produmo di mandorla appena sgusciata e di fiore di mandorlo.

Ma passiamo alla Bodega Cigarrera.

Si chiama così perché in precedenza c'era una fabbrica di sigari nello stesso edificio. La Bodega è gestita dalla erede di ennesima generazione del fondatore e da suo marito, fanno tutto in due, la visita costa 2 euro degustazione inclusa.

La ragazza è gentilissima, ci fa fare la visita anche se siamo solo due persone, ci guida nella visita alla cantina, ci spiega tutto in uno spagnolo chiaro e comprensibilissimo anche per noi, risponde alle domande, è compentissima, per forza, lo fa lei il vino.

La differenza principale con le nostre cantine è che le botti sono in locali a livello terra, non sotto, per cui le temperature sono intorno ai 20/25 anziché più basse. D'altra parte si tratta di vini già stabilizzati dall'alcol aggiunto. Le botti sono rigorosamente di rovere americano che viene importato in spagna dalla scoperta dell'america.

Hanno anche una botte con un lato trasparente per poter vedere la flor, ci dice che di solito il velo di flor è spesso 4 dita. Sul fondo la flor morta.


Alla fine va via mezz'ora di visita, racconti e spiegazioni, con ogni tanto qualche cliente che viene a comprare il vino spillato direttamente dalle botti in delle anfore o simili. Il manzanilla è quello che va di più, ma loro li fanno tutti.

Assaggiamo il manzanilla, è un paglierino, intenso e abbastanza complesso, certamente la mandorla in frutto secco e in fiore la fanno da padrone, in bocca è caldo e morbido, ma preserva una acidità minima e una godibilissima sapidità gessosa che chiude il vino. Inequivocabilmente persistente, sperimentato con successo con uno Jamon Serrano 5J, ma potrebbe andare anche con piatti di pesce elaborati andalusi come la Trucha con Jamon (Trota col crudo). Eccellente potrebbe rivelarsi con pesce particolarmente saporito e salmastro (per esempio delle ostriche o la bottarga).. Ci dice che è da consumare entro l'anno.

Passiamo poi al Pedro Ximenez, granato impenetrabile, intenso e complesso di frutta sotto spirito e cioccolato principalmente. In bocca è caldo, pastoso e dolce, e interminabile, reclama senza dubbio una sacher torte, non ho individuato un dolce tipico andaluso con cui abbinarlo.
E' un vino senza tempo.

Assaggiamo anche l'oloroso, ambrato, molto intenso e complesso, noce e altra frutta secca la dominante, ossidazione parecchio pronunciata, in bocca è alcolico, a tratti ha il carattere del distillato, sinceramente lo trovo un vino piuttosto difficile, anzi: un vino molto difficile, essendo secco è brutale e monolitico. Col fondente amaro almeno all'80%, meglio con un sigaro, o da solo, lei dice con la carne e formaggi stagionati, ma sono perplesso. Devo ancora capire l'oloroso, sinceramente.
Anche in questo caso è un vino senza tempo che tende all'eternità.

Insomma, bella visita e vini interessanti, curati con passione. Da non perdere se si passa in zona.

Trovi utile questa recensione?



Scrivi la tua recensione

Sei stato a Edificio Bodega la Cigarrera?

Scrivi la tua recensione su questo posto, esprimi le tue opinioni e pubblica le foto



Chi siamo | Contattaci | Pubblicità

© 2011 Voiaganto tutti i diritti riservati - Trilud SpA in liq. - P.iva: 13059540156

Voiaganto, supplemento alla testata giornalistica NanoPress registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08

Condizioni di utilizzo di Voiaganto, Informativa sulla privacy Informativa cookie