Home > Guida Viaggi > Nord America > Guida viaggi Messico

Messico, viaggi e vacanze

messico

Il Messico, pur appartenendo all'America Latina (le nazioni americane in cui si parla una lingua proveniente dal latino), è uno stato federale dell'America Settentrionale e confina con gli Stati Uniti d'America, Guatemala e Belize. Si affaccia a ovest sull'Oceano Pacifico, a est sul Golfo del Messico e sul Mar dei Caraibi. Con una popolazione di 107.029.000 abitanti, gli Stati Uniti Messicani sono lo stato con il maggior numero di abitanti di lingua spagnola.Il Messico, in spagnolo Mexico, ma che alcuni chiamano Mejico (soprattutto in Spagna), è una repubblica federale costituita da 31 stati ed ha come capitale Città del Messico.

Natura incontaminata, foreste pluviali, spiagge tropicali, vulcani, deserti, metropoli caotiche e vivaci, testimonianze di antiche e misteriose civiltà, sono solo alcune delle caratteristiche che incuriosiscono e invogliano circa 20 milioni di turisti all'anno a visitare il Messico.

Da non perdere in Messico

  • Trascorrere almeno una notte in una capanna sulla spiaggia di Tulum, un vero e proprio paradiso.
  • Una passeggiata a Campeche, cittadina dall'aspetto spagnolo proclamata patrimonio dell'Unesco.
  • Le meravigliose rovine Maya nascoste nella giungla di Palenque
  • Il Barranca del Cobre, un insieme di 20 suggestivi e profondi canyon scavati da sei fiumi nella Sierra Tarahumara.
  • Una visita ad un Cenotes, le famose cavità naturali piene di acque cristalline.

Chi cerca il mare cristallino dei Caraibi, il divertimento, l'archeologia, la cultura e la storia, non resterà deluso da un viaggio in Messico, un paese la cui straordinaria varietà ammalia tutti.

Indice

Geografia e aree turistiche in Messico

Il Messico ha 11.122 Km di costa ma il suo territorio è montuoso per la maggior parte tranne nella penisola dello Yucatan e nel Golfo del Messico. Le più importanti catene montuose sono la Sierra Madre Orientale e la Sierra Madre Occidentale, separate dall'Altopiano Centrale del Messico. Il fiume più grande del Messico è il Rio Grande e sia l'Oceano Atlantico che il Pacifico ospitano numerose isole messicane. Il Messico è una nazione molto vasta, è il quattordicesimo stato più grande del mondo ragion per cui prima di organizzare una vacanza in Messico, bisogna avere le idee chiare su ciò che si desidera visitare a seconda dei propri interessi e della propria disponibilità di tempo.Potremmo dividere il Messico in sei macro-aree turistiche: Yucatan e Mar dei Caraibi, Chiapas Tabasco e Oaxaca, Costa centrale del Pacifico, Città del Messico e Altipiani Centrali, Baja California e Messico del Nord.

Yucatan

La penisola dello Yucatan ospita lo stato di Quintana Roo, lo stato dello Yucatan e lo stato di Campeche ognuno diverso dell'altro e dotati di bellezze uniche e straordinarie, come la meravigliosa ed infinita spiaggia di Tulum dove c'è la possibilità di alloggiare in capanne (las cabañas) direttamente sulla spiaggia e la possibilità anche di visitare le rovine Maya di Tulum a picco sul mare, o gli incantevoli fondali dell'isola di Cozumel paradiso dei sub, o Celestum tranquillo paese quasi per niente turistico dove poter vedere da vicino i fenicotteri rosa, o Isla Mujeres con la sua vivace vita notturna e le spiagge bianche, come anche quelle di Cancun, meta di divertimento soprattutto di giovani americani che vi si recano per lo Sping Break e ancora Playa del Carmen, nota destinazione turistica specialmente di viaggi organizzati da tour operator in Messico. Chichen Izta è nella penisola dello Yucatan, (insieme a Uxmal, molto più piccola) una delle mete preferita dai turisti interessati ai siti di rovine maya grazie al suo famoso calendario astronomico Maya, mentre Campeche (capitale dello stato di Campeche) nasconde tra le sue stradine un antico fascino coloniale e la posizione sul Golfo del Messico contribuisce a rendere ancora più suggestiva l'atmosfera di questa tranquilla cittadina. Anche Merida (capitale dello Yucatan), chiamata città bianca e fondata nel 1542 è una bellissima città coloniale piena di palazzi d'epoca e con una vivace vita notturna.

Chiapas

Il Chiapas è invece un susseguirsi di emozioni: una fitta giungla con una ricchissima fauna, montangne coperte di alberi ma soprattutto la cultura e le tradizioni del popolo Maya fanno sì che questo sia uno degli stati con il maggior interesse turistico del Messico. Il sito Maya di Palenque con i maestosi templi e la tomba di Pakal, immerse nella giungla, sono di una bellezza incomparabile (solo una bassissima percentuale degli edifici Maya sono stati portati alla luce, il resto è sommerso dalla vegetazione). San Cristobal de las Casas, la capitale del Chiapas, è un'incantevole cittadina di montagna dove la tradizione indios, nonostante il turismo di massa, è ancora molto presente. Nel 1994 San Cristobal de la casas ricoprì un ruolo molto importante nella storia messicana in quanto fu occupata dal gruppo armato di sinistra, gli Zapatisti.

Oaxaca

Oaxaca è la capitale dell'omonimo stato ed è una città fondanta in epoca coloniale con splendidi edifici religiosi di varie epoche come la Chiesa di Santo Domingo di Guzman in stile barocco messicano. Le montagne che circondano lo Stato di Oaxaca hanno contribuito a isolarlo preservandolo da un'omologazione con il resto del Messico e per questo l'atmosfera che si respira in questa zona è unica e la sua popolazione è prettamente indigena. Una delle località più famose di questo stato è senz'altro Puerto Escondido, nota località balneare che attira surfisti da tutto il mondo.

Tabasco

Il Tabasco è una regione pianeggiante e piena di corsi d'acqua che nonostante i suoi importanti trascorso storici, non offre molto al turista se non i siti archeologici di Parque la Venta e Comacalco.

Costa centrale del golfo del Messico

La costa centrale del golfo del Messico è caratterizzata da una vegetazione lussureggiante grazie agli innumerevoli corsi d'acqua che regalano meravigliosi spettacoli di cascate sulle vette più alte del Messico ospitate in questa regione. Allo stesso modo questa zona è anche ricca di splendide architetture coloniali dipinte a colori vivaci o misteriose rovine come la piramide delle nicchie di El Tajin immerse nella giungla e risalenti intorno al 100 d.p.

Veracruz è una delle località più famose e più turistiche della parte centrale del Golfo del Messico, con la sua splendida piazza Plaza Lerdo, lo Zocalo dove si esibiscono danzatori e artisti da strada. Veracruz è nota anche per il suo scatenatissimo carnevale.

Questa è una zona preferita soprattutto da chi ama l'avventura, il trekking, il rafting sulle rapide e chi desidera rilassarsi. Molti sono coloro che scalano la vetta ghiacciata del Pico de Orizaba ma anche chi preferisce una vacanza di mare tranquilla in una delle splendide spiagge di questa zona del Messico.

Costa centrale del Pacifico

Qualsiasi cosa ci si aspetti da un'indimenticabile vacanza di mare in Messico la si può trovare sulla costa pacifica del Messico. Molti sono gli appassionati di surf che frequentato questa parte del Messico attirati dalle onde dell'Oceano, ma non solo. La costa pacifica offre attività come snorkelling, immersioni subacquee, vela, equitazione, ma anche la possibilità di immergersi in acque termali e dedicarsi al benessere. Inoltre la vita notturna di queste cittadine di mare è molto vivace e la popolazione, nonostante sia abituata al turismo, è deliziosa nei confronti degli avventori.

La costa del Pacifico è anche la zona dei resort lussuosi, e dei più bei villaggi del Messico che richiamano milioni di turisti da tutto il mondo grazie soprattutto ai tour operator che organizzano le vacanze in Messico. Numerose le possibilità di escursioni grazie anche ai collegamenti molto efficienti che consentono di raggiungere qualsiasi località comodamente. Natura incontaminata, baie deserte, paesaggi suggestivi sono gli ingredienti di questa zona incantevole tutta da scoprire.

Tra le cittadine di quest'area una delle più famose e più visitate è Puerto Vallata, una volta un pittoresco paese di mare che è stato poi travolto dal turismo di massa con conseguente edificazione selvaggia di lussuosi resort ma che, nonostante tutto, conserva un fascino unico grazie alle vecchie case bianche con i tetti rossi e alle spiagge bianche. A sus di Puerto Vallata si estende una zona molto turistica che viene chiamata Costalegre o Riviera Messicana anche questa ricca di resort e villaggi. Anche Ixtapa è una località piena di resort di lusso, tra cui il Club Med di Ixtapa. La località è meravigliosa, le spiagge bianche e bellissime ma secondo qualcuno il tutto un pò troppo artificiale. I surfisti invece preferiscono recarsi a Barra de Navidad dove possono scatenarsi grazie ad onde altissime. Come non nominare Acapulco, la prima località balneare del Messico, una cittadina molto commerciale e poco affascinante, ma appena fuori dal centro si estende una zona di lunghe spiagge bellissime, hotel di lusso e discoteche.

Città del Messico

Città del Messico che si estende su una superficie di circa 2000 kmq è la capitale del Messico e la sua popolazione è un quinto della popolazione dell'intero Messico. I messicani chiamano la loro capitale Mexico ma anche Districto Federal in cui è compresa solo una parte della città. La metropoli, posizionata ad un'altezza di circa 2200 m si trova ad affrontare gravi problemi di inquinamento anche a causa della presenza di alte montagne nei dintorni che ne limitano il ricambio d'aria. Nonostante questo, la sua famigerata confusione e il traffico asfissiante, rappresenta spesso una piacevole sorpresa per i turisti che scoprono una città affascinante e ricca di attrazioni. Numerose le possibilità di escursione nei dintorni di Città del Messico: alcune località come Teotihuacàn, la più antica città del Messico con le straordinarie piramidi, sono raggiungibili in giornata, altre invece come Puebla che conserva gelosamente il suo volto spagnolo, e Taxto un tempo centro di estrazione di argento, meritano visite di qualche giorno. Molti in questa zona i vulcani ancora attivi e le sorgenti termali.

Altipiani Centrali

Gli altipiani di Jalisco, Michoacàn e Colima offrono una tipologia diversa di vacanza in Messico: paesaggi selvaggi, distese fertili, paesi in cui il tempo sembra si sia fermato, vallate e vulcani innevati. Tra le città vale senz'altro la pena di visitare Guadalajara, seconda metropoli del Messico per importanza, è la città della tequila, della musica Mariachi e del sombrero ed ha un incantevole centro storico pedonale. Affascinante anche la regione del Michoacàn, con capitale la splendida città coloniale di Morelia di innegabile impronta spagnola nonostante la popolazione sia india.

Gli altipiani a nord di città del Messico rappresentano una delle motivazioni che spinsero gli spagnoli a colonizzare il Messico, ricchi di argento e di altri metalli preziosi. Proprio qui i coloni diedero vita ad alcune tra le più belle città del Messico come Zacatecas dotata di una splendida cattedrale e di una vivace vvita notturna o San Miguel de Allende elegante città di artisti dall'atmosfera di altri tempi, Guanajuato, città studentesca protetta dall'Unesco che ospita alcuni festival importanti tra cui uno dedicato allo scrittore spagnolo Cervantes. Da queste parti vale la pena fare un salto anche ad Aguascalientes che conserva la maggior parte dei più interessanti edifici coloniali, grazie ai suoi guacimenti di oro che attirarono i coloni e numerose sorgenti di acque termali da cui la cittadina e lo stato omonimo hanno preso il nome.

Baja California

La Baja California è una lingua di terra lunga 1300 km e delimitata da 3200 km di coste, attraversata da una strada a due corsie che premia i coraggiosi che optano per un viaggio on the road in Messico con paesaggi mozzafiato, foreste, montagne e mare azzuro come sfondo. Molti vi si recano per i paesaggi del deserto, altri per una vacanza di mare a base di snorkelling, pesca e vela ma le attrazioni principali sono le balene che si possono avvistare facilmente fra dicembre e marzo nelle acque della Laguna di Ojo de Liebre. Tra le località più affascinanti da visitare segnaliamo La Paz con il suo incantevole lungomare (molecon) alberato e Cabo San Lucas, capitale del divertimento e della vita notturna ma anche ricca di scenari mozzafiato. Bellissima anche Josè del Cabo, molto più piccola e tranquilla dotata di distese di spiagge infinite.

Messico del nord

Il Messico del nord è senz'altro una delle aree meno visitate del Messico, di conseguenza molto più reale e quasi per niente artificiale rispetto ad altre zone in cui tutto è stato creato per il turista. Questo è un aspetto che attira i pochi visitatori della zona, insieme ai paesaggi desertici, le incantevoli montagne della Sierra Madre Occidentale dalle tonalità tendenti al rosso, i campi lussureggianti e le coltivazioni di mais. La cittadine più importanti di questa zona sono Chihuahua, capitale dell'omonimo stato, città di Pancho Villa, eroe messicano, ricca e fiorente e piena anche questa di splendidi edifici coloniali e Durango, anche detta la città dei cowboy con la bellissima Plaza de Armas.

Per maggiori informazioni vai alla sezione Visitare Messico.

Come arrivare in Messico

Per raggiungere il Messico dall'Italia l'unico mezzo comodo è l'aereo.

Aereo

I voli per il Messico dall'Italia non sono molto economici ma bisogna considerare anche le ore di volo, circa 11, che spiegano il costo del biglietto.

La compagnia di bandiera AeroMexico, la Mexicana e le principali compagnie di bandiera europee collegano l'Italia alla maggior parte delle località messicane grazie ai numerosi aeroporti internazionali disseminati in tutto il Messico. Tra i più importanti: Aeropuerto Internacional de Acapulco, Aeropuerto Internacional de Aguascalientes, Aeropuerto Internacional de Cancùn, Aeropuerto Internacional de Chihuahua, Aeropuerto Internacional de Ciudad Juárez, Aeropuerto Internacional Benito Juarez de Ciudad de Mexico.


Per conoscere le tratte aeree verso il Messico, compagnie aeree e tariffe, vai alla pagina Voli Messico.

Quando andare in Messico

Stagioni del Messico

I mesi estivi, da maggio a settembre in particolare lungo la costa e nelle regioni meridionali, oltre ad essere considerati alta stagione, sono molto umidi e ricchi di precipitazione. Sono questi i mesi infatti dei famigerati uragani del Messico negli anni tristemente noti per aver spazzato vie spiagge meravigliose come l'uragano Dean nell'agosto 2007. Nelle regioni dell'entroterra il clima è più temperato e in alcune zone nei mesi delle regioni del nord del Messico e degli altipiani da novembre a febbraio le temperature possono essere molto rigide. In Messico sono considerati alta stagione anche il periodo natalizio e la settimana di Pasqua (Semana Santa). Il periodo migliore per visitare il Messico va comunque da ottobre a marzo. Consigliamo comunque prima di partire per il Messico di visitare la sezione meteo Messico

Eventi e festività in Messico

In Messico le festività sono eventi appassionati e molto sentiti dal'intera popolazione, sia le feste nazionali che quelle delle singole località. Con El dìa de la Candelaria, che cade il 2 febbraio, i messicani fesreggiano la presentazione di Gesù al tempio 40 giorni dopo la sua nascita con carri e sfilate in molte località. Il carnevale in Messico, che precede i 40 giorni di Quaresima, è un evento scatenatissimo con carri, sfilate, musica, danze fuochi d'artificio: tra quelli più famosi quello di Veracruz, di Mazatlan, e di La Paz.

La Semana Santa che ha inizio la domenica delle Palme, è festeggiata in tutto il Messico ma in particolare a San Miguel de Allende, Taxto e Patzcuaro. Nella cittadina di Aguascaliente si festeggia la Feria de Marcos da metà marzo a metà aprile e il 16 settembre è El dia de la Indipendecia con cui il Messico festeggia l'indipendenza dalla Spagna; i festeggiamenti più caratteristici sono quelli di Città del Messico alla vigilia della ricorrenza. A Città del Messico una festività molto sentita è anche El Dia de Nuestra Señora de Guadalupe, la patrona del Messico che viene festeggiata e commemorata il 12 dicembre.

Avvertenze e consigli per un viaggio in Messico

In Messico furti e rapine a discapito del turista sono all'ordine del giorno. Per fortuna le rapine violente e mano armata sono un pò meno frequenti ma possono capitare soprattutto nelle grandi città. A Città del Messico bisogna fare molta attenzione ai taxi: numerose sono le segnalazioni di furti, anche violenti con percosse e addirittura violenze sessuali ai danni di turisti da parte dei tassisti che spesso organizzano la trappola insieme a dei complici. Meglio non prendere un taxi in strada ma chiamare un numero di una compagnia affidabile (chiedere informazioni alla reception dell'hotel o nei ristoranti). E' comunque preferibile evitare di frequentare di notte strade isolate.

Nel resto della nazione, benchè rischi del genere siano quasi inesistenti, i furti fanno parte della quotidianità, è bene pertanto tenere presente alcune accortezze come evitare di mostrare i propri beni personali, evitare zaini o borse in vista cercando di portare il denaro e i documenti in marsupi o tasche nascoste e stare attenti soprattutto nei luoghi molto affollati.

Numerosissimi i furti sugli autobus, mezzi frequentati dalla maggior parte dei turisti che fanno un tour del Messico perchè economici e ben organizzati. I ladri messicani lo sanno bene, la maggior parte viaggia sui bis con l'unico scopo di derubare i turisti. Sono abilissimi a sottrarvi dei vostri averi, consigliamo la massima attenzione e di non perdere mai di vista il proprio bagaglio a mano durante i trasferimenti sui bus.

Cultura, usi e costumi del Messico

Il popolo messicano è molto legato alla famiglia e alle tradizioni e ama divertirsi, festeggiare, ballare, bere e mangiare ma al contempo è un popolo di grandi lavoratori. Resiste negli uomini messicani un senso di maschilisimo che si manifesta secondo alcuni luoghi comuni come i baffi, la guida spericolata o il bere smodatamente ma questo si trasforma in una piacevole difesa delle donne da parte degli uomini in ogni ambito.

Nonostante spesso si senta parlare di gringo, un termine dispregiativo con cui i messicano si riferiscono agli stranieri e soprattutto gli americani, i messicano sono molto gentili e disponibili nei confronti dei turisti e quasi sempre disposti a dare tutto l'aiuto e le informazioni a chiunque si trovi in difficoltà. In alcuni luoghi meno turistici è preferibile che le donne vestano in modo decoroso, evitando quindi pantaloncini o gonne corte e abiti scollati, anche gli uomini se prevedono di entrare nelle chiese.

Molti sono i messicani che hanno abbandonato i propri villaggi per trasferirsi nelle città nella speranza di fare fortuna e che purtroppo si ritrovano a vivere in case sovraffollate e a guadagnare pochi dollari al giorno. Soprattutto nelle grandi città la differenza tra i poveri e i ricchi è abissale.

Informazioni utili per il Messico

Abbigliamento e bagagli

A parte la necessità di considerare le differenze climatiche di una nazione così vasta a seconda del territorio che si intende visitare e delle stagioni in cui si visita il Messico, è importante mettere in valigia un marsupio o un borsello da poter indossare sotto i vestiti per i propri oggetti di valore, degli occhiali da sole e una crema solare ad alto fattore protettivo. Sarebbe utile anche un dizionario italiano-spagnolo, sono pochi i messicani che parlano inglese e una piccola torcia da utilizzare in casi di cali di corrente che accadono spesso o per alcune zone totalmente prive di corrente.

Sanità

Le malattie che i turisti rischiano in Messico sono soprattutto legate all'alimentazione o al massimo a punture di insetti ragion per cui nessuna vaccinazione è obbligatoria. La maggior parte dei visitatori del Messico incappa nella diarrea del viaggiatore, nonostante le precauzioni che è bene comunque cercare di osservare: evitare di bere acqua corrente e acquistare bottiglie di acqua perfettamente sigillate. Bisognerebbe stare attenti anche alle verdure e alla frutta che vengono lavate con l'acqua corrente avendo l'accortezza di mangiare solo verdura cotta e sbucciata. Tra le medicine assolutamente da non dimenticare, oltre alla solita farmacia da viaggio (antibiotici, antipiretici, analgesici, disinfettante intestinale, pomate per le scottature, creme ad alta protezione, e un repellente per gli insetti), un antidiarroico. Conviene stipulare un'assicurazione medica prima di partire che copra qualsiasi spesa medica in Messico.

Numeri di emergenza in Messico

  • Polizia tel 060
  • Polizia turistica Tel. 061
  • Ambulanza 557-5758

Ambasciate, consolati, uffici del turismo

  • Ambasciata d'Italia a Città del Messico, Paseo de las Palmas 1994, Col. Lomas de Chapultepec, 11000 México, D.F. Tel. 0052.55.55963655; Fax 0052.55.55967710 / 55962472; E-mail: segreteria.messico@esteri.it.

Enti e uffici del turismo

  • Ente del Turismo messicano in Italia - Visit Mexico www.visitmexico.com
  • Ministero del Turismo nazionale Sectur - Città del Messico. 55 520 0123, 800 903 92 00 (24 su 24 fornisce informazioni in inglese e spagnolo).

Accesso a internet

Molti sono gli interent point disseminati in tutto il Messico con la tariffa media di 1 dollaro l'ora.

Prefisso telefonico

Per chiamare l’Italia dal Messico (come da qualsiasi altra nazione) occorre selezionare il prefisso 0039. Per chiamare invece el Messico dall’Italia il prefisso è 0052.

Cellulari

Il Messico non dispone per il momento del sistema GSM utilizzato in Europa per cui i telfoni dual band non funzionan. Possono essere utilizzati i cellulari trial band e le tariffe dipendono dal proprio piano tariffario relativamente al Roaming Internazionale. Alcune compagnie telefoniche promuovono piani telefonici speciali per chiamate dall'estero.

Lingua

La lingua ufficiale del Messico è lo spagnolo ma esistono una sessantina di dialetti amerindi tra cui nahuati, maya, mixteco, otomi, zapoteco. Pochi sono i messicani che parlano inglese.

Valuta

La moneta messicana è il nuovo Pesos (MXP), suddiviso in 100 Centavos.

Fuso orario in Messico

L'ora del Messico è 7 ore indietro rispetto all'Italia che diventano 8 con l'ora legale.

Prese elettriche

La corrente in Messico varia tra i 110 v e i 135; è necessario quindi avere un trasformatore. La frequenza è di 60 Hz. La presa utilizzata in Messico è di tipo B, si consiglia quindi di munirsi di un adattatore. Negli ultimi anni si sta diffondendo anche la presa di tipo B.

Spina e Presa A

Spina e Presa B

Storia del Messico

I primi insediamenti nel territorio messicano risalgono tra il 6500 a.c. e il 1500 a.c. La nascita della civiltà mesoamericana viene stabilita intorno al 2500 a.c. e tra il 1200 a.C. e 1500 d.C. fiorirono le culture maya, tolteca, zapoteca e azteca, dando origine a grandi città che hanno lasciato numerose ed importanti testimonianze archeologiche in tutto il territorio messicano.

Dal I sec. la città di Teotihuacan fu il luogo più importante della Mesoamerica allargando la propria influenza fino al Nuovo Messico e Costa Rica fino all'VIII quando nacquero nella regione diversi stati ostili tra di loro. In questi anni fiorivano in Messico le civiltà dei popoli Oasisamericani nel nord-est che hanno lasciato importanti testimonianze nella città di Paquimè, e soprattutto la civiltà Maya nello Yucatan intorno tra il X eil XII sec.

La popolazione dei Mixtechi iniziò in questo periodo ad estendersi nell'attuale stato di Oaxaca fino alle Valli Centrali, dove vivevano gli Zapotechi.

Nel 1325 a.c. la tribù azteca dei Méxica fondò un villaggio sulle isolette della laguna di Texcoco (area attuale di Città del Messico) con capitale Tenochtitlán che divenne in poco tempo la città più importante della Mesoamerica, fino all'arrivo dei conquistadores spagnoli che la distrussero, creando poi sulle sue rovine Città del Messico.

Gli spagnoli sbarcarono sulle coste messicane nel 1519 condotti da Hernán Cortés che conquistò il territorio messicano senza alcuna difficoltà nonostante il numero inferiore di uomini grazie anche ad alcune credenze dell'imperatore azteco Montezuma che non oppose resistenza. La prima colonia fu Veracruz e dopo due anni, nel 1521 Cortés completò la sua conquista e distrusse l'Impero azteco-mexico assediando anche la città di Tenochtitlán.

Il Messico divenne una colonia spagnola e fu chiamata Nuova Spagna che aveva come capitale Città del Messico e comprendeva un enorme territorio che andava dalla Columbia Britannica, in Canada agli attuali stati di Washington, Oregon, Idaho, Arizona, California, Colorado, Nevada, Nuovo Messico, Wyoming e Utah, Costa Rica e anche la Capitaneria Generale di Cuba, la Capitaneria Generale del Guatemala, la Capitaneria Generale delle Filippine e i territori della Florida della Louisiana e del Nootka.

Nel 1810 un movimento indipendentista iniziò a farsi sentire grazie a Padre Heraldo, un prete messicano che dichiarò in quell'anno l'indipendenza dalla Spagna e che diede il via ad una guerra civile che si concluse nel 1820 con la sottoscrizione del Trattato di Cordova nel 1821 che dichiarava il Messico indipendente e proclamava la nascita del Primo Impero Messicano.

Nel 1848 in seguito all'invasione degli Stati Uniti e alla sconfitta del Messico, quest'ultimo vide diminuire notevolmente il suo territorio costretto a cedere numerosi stati (Texas, California, Utah, Colorado, buona parte del New Mexico e dell’Arizona) agli Stati Uniti.

Nel 1861 Inghilterra, Spagna e Francia iniziarono a pretendere che il Messico pagasse il debito che aveva nei loro confronti ed ancor prima di raggiungere un accordo Napoleone III nel 1862 invase il Messico proclamando imperatore l'arciduca Massimiliano d'Asburgo che fu poi ucciso nel 1867 per ordine del Presidente repubblicano Benito Juarez. Nel 1876 il Messico fu affidato al presidente Porfirio Díaz, protetto di Benito Juarez che però instaurò una durissima dittatura militare che riuscì a resistere fino al 1910 quando Francisco I. Madero guidò la rivoluzione messicana conclusasi un anno dopo con la sconfitta delle truppe della dittatura e, in seguito a vari disordini in tutto il paese, alla nascita di una Nuova Costituzione nel 1917.

Emiliano Zapata e Francisco Pancho Villa sono due noti eroi della rivoluzione messicana.

La nuova costituzione prevedeva una netta separazione tra Stato e Chiesa e nel 1926 il governo volle attuare nei dettagli il piano costituzionale tagliando i fondi alla chiesa, chiudendo le scuole cattoliche e persino vietando a chi lo desiderava di diventare prete o suora con una conseguente nascita di proteste del mondo cattolico che si divise in una sezione pacifista Lega Nazionale per la Libertà Religiosa e una violenta, di cui facevano parte i Cristeros che portarono avanti cruenti battaglie soprattutto nel sud del Messico. Il governo represse per 3 anni le battaglie, fece anche delle pubbliche esecuzioni fino al 1929 quando si rese conto dell'impossibilità di sedare un sentimento tanto comune e forte come quello religioso e decise di avviare accordi con la Chiesa che prevedevano il rispetto della libertà di religione da parte del governo.

Nello stesso anno venne fondato dall'allora presidente Obregon, Il Partito nacional revolucionario (PNR) che appoggiò nelle elezioni del 1934 Lazaro Cardenas passato alla storia per aver ridistribuito circa 200.000 km di terre al popolo creando cooperative di contadini. Espropriò anche le attività delle compagnie petrolifere straniere in Messico formando la Petroleos Mexicanos, azione che provocò l'allontanamento degli investitori stranieri dal Messico. La crescita economica del Messico iniziò alla fine della seconda guerra mondiale e il successo del PNR ribattezzato in questi anni Partito Revolucionaro Istitucional (PRI) continuò fino al 2000 con l'elezione dell'attuale Presidente Vicente Fox, primo presidente non facente parte del PNR dalla sua fondazione nel 1929.

Scheda Messico

Nome ufficiale:Estados Unidos Mexicanos
Altri nomi:Messici, Mexico, Mejico
Capitale : Città del Messico
Forma di governo:Repubblica presidenziale
Superficie:1.972.550 km²
Lingua:Spagnolo
Abitanti:107.029.000 ab.
Densità popolazione:55 ab./km²
Nome abitanti:Messicani
Etnie:60% meticci (di sangue misto indio ed europeo), 30% indios (discendenti delle popolazioni autoctone, fra cui nahua, maya, zapotechi, mixtechi, totonac, 9% bianchi per lo più di lontana ascendenza spagnola, 1% altri.)
Religioni:90% cattolica, 10% protestante
Prefisso telefonico:+52
Sigla automobilistica:MEX
Dominio internet:.mx
Valuta:Pesos Messicano MXN (1 Peso Messicano = 0.0596 Euro)
Fuso orario:UTC da -6 a -8
Paesi confinanti:Stati Uniti, Guatemala, Belize
PIL: 1.183.956 milioni di $
Reddito pro capite: 10.186 $
Tasso annuale di crescita: 1,2%
Inflazione: 4%
Principali settori economici: Manifatture, petrolio, prodotti chimici, argento, ferro, acciaio, piombo, rame, zinco, oro, turismo, industria alimentare, tabacco.


Notizie e idee viaggi e vacanze in Messico

I migliori hotel di design
Viaggiatori amanti del design, dell’architettura e dello stile, ecco a voi la classifica dei 10 migliori hotel di design al mondo: perché in un letto...
Capodanno 2009 da 500€ a 3.000€ con Eurotravel
Eurotravel propone un’ampia scelta di vacanze per festeggiare l’anno nuovo: soggiorni e vacanze per tutti i gusti e tutte le tasche. Per chi vuole...
Il Sud America di Carnival Splendor
Là dove pionieri ed esploratori si spinsero per raggiungere gli estremi confini sud del pianeta, navigherà Carnival Splendor. L’ultima nata di casa...
Yucatan, terra delle meraviglie
Conoscere lo Yucatán è un’esperienza unica, sorprendende, ogni volta differente. Situato nel Nord Est della Penisola che porta lo stesso nome, confina a...
Vacanze a settembre e ottobre con Eurotravel
L’estate termina a settembre, ma non è detto che le vacanze devono considerarsi concluse. Il clima mite di alcun destinazioni e il loro rapporto...

Altre notizie Messico

Sono stati in Messico

kohunlich
vive a Tulum. Iscritto dal 13/07/2009
Recensioni di kohunlich a Tulum...



AndreaP
vive a Lucca. Iscritto dal 16/03/2007
Recensioni di AndreaP a Tulum...



pequena75
vive a Milano. Iscritta dal 12/12/2007
Recensioni di pequena75 a Cancun, Tulum, Palenque...



Altri utenti che sono stati in Messico

Forum Messico


Nessuno ha ancora scritto sul Forum Messico
Vuoi essere il primo a scrivere?

Apri una nuova discussione



Chi siamo | Contattaci | Pubblicità

© 2011 Voiaganto tutti i diritti riservati - Trilud SpA - P.iva: 13059540156

Voiaganto, supplemento alla testata giornalistica NanoPress registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08

Condizioni di utilizzo di Voiaganto, Informativa sulla privacy Informativa cookie